Hai bisogno di noi? Contattaci!
Num Verde
Contattaci!
Num Verde 800.557692

OBIETTIVO: RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE

Si chiama tecnicamente “Politiche per la riqualificazione urbana e l’incentivazione alla rinaturalizzazione del territorio veneto”, detta in modo più semplice è il quarto Piano casa della Regione Veneto.
La normativa, approvata alla fine di marzo, dovrebbe rappresentare una regola ormai omogenea e corretta dalle sbavature dei precedenti provvedimenti, la quale ambisce a disciplinare l’attività edilizia fino al 2050, termine posto dalla Unione Europea per l’azzeramento definitivo del consumo di superfici.
Il nuovo Piano casa, in senso generale, ha come finalità quelle di rinaturalizzare il suolo e di  riqualificare il patrimonio immobiliare, promuovendo interventi mirati al miglioramento e riordino dei centri urbani oltre che alla valorizzazione ambientale del territorio.
Ma cosa prevedono le nuove regole?

Ampliamenti
Fino ad oggi, accumulando i bonus concessi dal Piano casa precedente, è stato possibile realizzare ampliamenti fino all’80% del volume iniziale.
Con la nuova normativa regionale, di fatto il quarto Piano casa per il Veneto, il limite sarà del 40%, con un eventuale altro 20% se si farà ricorso ai crediti edilizi.
Fino al 31 dicembre 2020, inoltre, il bonus di chi ingrandirà la propria abitazione con criteri energetici classificabili come “A4”, cioè i più alti, potrà salire dal 40% al 50%.

Demolizioni e ricostruzioni
Per questi casi, ritenendo l’abbattimento e la successiva riedificazione un’operazione immobiliare vera e propria alla portata di imprese, più che di singole famiglie, si potrà arrivare ad un ampliamento del 100% considerato come somma del 60% indicato dal nuovo Piano casa e di un altro 40% se si farà ricorso ai crediti edilizi. Anche qui, se si opera in base alla classe energetica “A4”, il 60% potrà lievitare fino all’80%.

Cumuli limitati
La legge regionale non permette di cumulare i bonus del nuovo Piano casa con altre opportunità di ampliamento concesse da norme comunali, regionali o nazionali. Potranno invece essere sommati a quelli previsti dal Piano casa precedente qualora questi non fossero stati integralmente sfruttati e limitatamente alla quota residua calcolata sul volume iniziale (e non su quello ottenuto con l’ampliamento già realizzato).

Semplificazioni
Un sistema di procedure semplificate dovrebbe consentire l’abbattimento delle liti sorte in questi anni fra vicini a causa delle non sempre chiare deroghe a volumi, superfici, altezze e distanze previste dal decreto interministeriale 1.444 del 1968. Saranno anche potenziati i poteri dei Comuni che, con i Piani casa precedenti, avevano lamentato la loro esclusione dalle pianificazioni e l’impotenza di fronte a scelte di privati spesso discutibili.